Asta Jugendstil e Secessione a Dorotheum | Legno Curvato
READING

Asta Jugendstil e Secessione a Dorotheum

Asta Jugendstil e Secessione a Dorotheum

Cover Bentwood Chronicle A1 N3

Nuova asta sullo Jugendstil e Secessione Viennese a Dorotheum. Si svolgerà il prossimo 11 maggio (Jugendstil e Arte Applicata del XX secolo). Questa volta Julia Blaha ha trovato una selezione davvero significativa. Da vedere di persona in esposizione al Dorotheum, se passate da Vienna, i lotti dedicati a Otto Prutscher. Su questo grande architetto viennese Julia è decisamente esperta visto che la sua tesi di Laurea è stata proprio sulla sua opera.

Otto Prutscher

Oltre a ai Lotti 167 (3 sedie), 168 (una specchiera prodotto dalla Gebrüder Thonet) e 169 (un mobiletto), i lotti che vi vogliamo segnalare sono i seguenti:

Dorotheum scatolina

⊗ Lotto 331:

156 foto e disegni di oggetti disegnati da Otto Prutscher per la Thonet.

⊗ Lotto 332 (nella foto a sinistra):

213 diapositive in una cassetta in legno di foto di oggetti ideati da Otto Prutscher.

⊗ Lotto 333:

69 foto di oggetti, mobili e esposizioni, sempre dall’archivio dell’architetto viennese.

Tre lotti, questi, che ci auguriamo qualche Museo decida di acquistare e di rendere così pubblici completamente, per gioia di tutti coloro che amano gli oggetti un pò particolari.

Da non perdere

Ecco gli arredi di cui i collezionisti, alla ricerca di pezzi pregiati, devono assolutamente prendere nota:


Dorotheum Hoffmann⊗ Lotto 170: 

poltrona Jacob & Josef Kohn n. 666 attribuita a Josef Hoffmann

Nei cataloghi italiani della società viennese, questa poltrona è chiamata “poltrona dalle grandi orecchie”.

Presentata nel catalogo del 1906 della Kohn come “Grand-fathers armchair” viene mostrata per la prima volta nell’esibizione di Earl’s Court del 1906 a Londra.

 

 

 

 


Dorotheum Siegel⊗ Lotto 174: 

n.4 poltroncine Jacob & Josef Kohn n.715 di Gustav Siegel

Questa poltroncina viene disegnata nel 1899 e premiata con la medaglia d’oro a Parigi nel 1900. È il primo successo dell’architetto a capo dell’ufficio tecnico della Kohn.

Come la versione premiata, il modello in asta è con i puntali in ottone, dunque la versione più ricca.

 

 

 

 


Dorotheum kammerer⊗ Lotto 177: tavolino Thonet n.40 di Marcel Kammerer

Di questo tavolino, nella versione più ricca, abbiamo già parlato nel nostro primo post dedicato a Kammerer.

Segnalato erroneamente come prodotto dal 1907, questo oggetto entra in produzione nell’ottobre 1905, come segnalato nella rivista interna della Gebrüder Thonet, Zentral Anzeiger.

La costruzione è geniale ed estremamente moderna.

Con la stessa forma a U utilizzata quattro volte, Kammerer costruisce la struttura del tavolino legata poi da tre cerchi (a sezione quadrata) vicino al piano e da quattro bacchette di ottone (a due a due) in basso, vicino ai puntali di ottone.

Un oggetto estremamente facile da produrre (con soli due stampi) di grande semplicità e bellezza.

 


In effetti, difficile scegliere tra queste meraviglie. A voi, ad esempio, quale di questi oggetti è piaciuto di più? Provate a scrivercelo nei commenti, ci farebbe molto piacere.


Ho comprato la mia prima sedia Thonet a vent’anni e oggi sono uno dei massimi esperti al mondo di legno curvato, lo stile viennese nell’arredo. Nato architetto, mi occupo di consulenza e formazione sulla storia Thonet, di expertise e curatele per vari musei europei. Sono autore di vari libri sul legno curvato, l'ultimo sulla Società Antonio Volpe, ma anche liberty e art deco. La ricerca storica è la mia grande passione.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER