Ballo con passione a Vienna | Legno Curvato
READING

Ballo con passione a Vienna

Ballo con passione a Vienna

Se siete a Vienna il 17 febbraio sentirete sicuramente parlare del Ballo dei Caffettieri. È uno degli eventi più suggestivi di tutta la stagione dei balli della capitale austriaca, che attira migliaia di visitatori nei saloni della Hofburg, la grandiosa residenza imperiale. E perché no, potreste anche decidere di parteciparvi. Non siete pronti? Niente paura, ecco le istruzioni per l’uso.

La Wiener Ballsaison

Chi ha mai sognato almeno una volta di volteggiare in un valzer viennese? Tra le donne un pensierino è quasi certo, se non al ballo, sicuramente agli outfit principeschi ed eleganti delle dame.

Per Vienna il ballo è una cosa molto seria. La Wiener Ballsaison è un appuntamento che coinvolge tutti i viennesi, un tour de force che inizia l’11 novembre alle ore 11.11 con il Ballo della croce Rossa di Vienna nel Municipio, e dura fino al martedì grasso del Carnevale, anche se il cuore della stagione sono i mesi di gennaio e febbraio.

I ragazzi iniziano a studiare già alla fine della scuola superiore, per essere pronti al ballo conclusivo dell’anno scolastico e a quelli che seguiranno. Parliamo di più di 450 eventi sparsi per la città, a suon di valzer, polka, quadriglia e non solo. Più di 2.000 ore di danze per tutti i gusti e per tutte le disponibilità. I prezzi variano dai 30 € fino ai 250 € ed oltre per gli eventi più suggestivi tra cui il Ballo dell’Opera, quest’anno il 23 febbraio, per tradizione il giovedì che precede il mercoledì delle Ceneri.

In questa occasione, al teatro dell’Opera si può assistere come spettatori dalla galleria, insieme a star della musica e a personaggi famosi e a tutta quella società bene della città che è quasi obbligata a parteciparvi. In questa serata si tiene infatti il debutto dei figli delle famiglie più importanti e al grido Alles Walzer! la pista viene aperta a tutti sulle note del Sul Bel Danubio Blu di Johann Strauss, familiarmente chiamato Schani.

Il calendario è variegato. Dopo il Ballo dell’Opera, rinomato è il Ballo di San Silvestro, sempre alla Hofburg, che ospita altri eventi danzanti famosi tra cui il Ballo dei Cacciatori (è stato il 30 gennaio 2017), il Ballo dei medici (è stato il 28 gennaio 2017) e il Ballo dei giuristi (25 febbraio 2017). Il ballo più allegro ed informale è il Bonbon Ball (24 febbraio 2017) nella Wiener Konzerthaus.

Al Kursalon di Vienna un tempo i fratelli Strauss mietevano i loro più grandi successi e a loro è dedicato il Ballo Johann Strauss (18 febbraio 2017). Al Ballo dei Piccoli Cantori di Vienna (è stato il 27 gennaio 2017) si è danzato oltre che a ritmo di valzer, anche la samba e la bossa nova, in onore del paese ospite di quest’anno, .

Il Ballo dei Caffettieri: un passo dopo l’altro

valzer vienneseMa torniamo al nostro debutto al Ballo dei Caffettieri. Come dicevamo, è uno dei più famosi della stagione. Per una sera, la tradizione viennese del ballo e dei caffé si uniscono in una serata speciale. La Redautensäle e il Dachfoyer della dimora imperiale si trasformano nel più esclusivo ed elegante caffé della città, sponsorizzato proprio dai caffé e dalle aziende di torrefazione della città.

Lo scorso anno gli omaggi tradizionali alle signore sono stati offerti dalla torrefazione Hausbrandt fondata a Trieste nel 1892: dei ventagli artistici in tre varianti sul tema Artisti e Caffè, dipinti dal titolare in persona Martino Zanetti, che oltre ad essere esperto di caffè e viticoltore è anche appassionato pittore.

L’apertura delle danze è lasciata a 500 coppie di ballerini, facenti capo ad una scuola della città, ragazze in bianco e ragazzi in frack che creano subito la giusta atmosfera. Al termine del primo ballo, inizia finalmente per tutti la serata. Ecco i passi per partecipare:

Passo n.1: la prenotazione

Tanto per iniziare, vi dico subito che c’è la pagina Facebook dove trovate il link da utilizzare. Il costo è di 169€ per adulti e 75€ per gli studenti. Già alle ore 20:30 ci si mette in coda lungo la scalinata di ingresso anche se l’inizio è alle ore 21.00 ed il termine (almeno sulla carta) è previsto alle ore 4:30.

Passo n.2: il dress code

Ovviamente è elegante per cui abito lungo per le dame, vestito scuro o smoking per i cavalieri. Se non avete nel vostro guardaroba questo tipo di soluzione, nessun problema. Non solo a Vienna ci sono moltissimi negozi dove poter acquistare l’outfit che più vi piace ma altrettanti per poterli noleggiare. Due indirizzi rinomati sono Rottenberg o Flossmann.

Per dare un tocco ancora più speciale, vi attende una sessione di trucco e parrucco da vera star. Gli Hotel più belli della città mettono a disposizione il servizio già dal tardo pomeriggio. I costi sono normalmente elevati (ben oltre i 100€ per una sessione di circa un’ora) ma il risultato è sicuramente sorprendente.

Passo n.3: saper ballare

Non è necessario ma per godersi appieno la serata occorre saper ballare, almeno qualche passo di valzer. Se non siete capaci, anche qui ci sono soluzioni per tutte le necessità.

Ad esempio la Tank Schule che propone lezioni sprint Hop on Waltz in tedesco ed inglese per 23€ a persona oppure la Elmayer Tanzschule, considerata tra le più famose, fondata da un ex ufficiale dalle maniere impeccabili, trasformatosi in insegnante di stile ed etichetta.

Si dice che bastino 3 lezioni di poco meno di un’ora per essere in grado di partecipare a un ballo. In questa scuola ad esempio sono di 50 minuti l’una e costano – private – 62 € a coppia. Se invece si ha più tempo e si vuole dedicare qualche ora in più, qui trovate l’elenco delle scuole.

Se durante la vostra serata volete variare, ci sono le altre sale del Palazzo, anch’esse brulicanti di gente. In ognuna c’è uno stile diverso, il jazz, oppure lo swing, e poi, salendo due rampe di scale (con una pausa ostriche e champagne qua e là), proprio sotto i tetti del Palazzo si può trovare uno stile decisamente contemporaneo.

E al termine del Ballo, c’è ancora il tempo per andare in uno degli oltre 500 caffè viennesi dove magari godersi anche una bella Sacher, come da tradizione.

Un’esperienza da provare

Insomma, si prospetta una serata indimenticabile nel più impeccabile stile Viennese che fa tanto bene al corpo e allo spirito e che una volta nella vita vale davvero la pena di provare. E voi, ci siete mai stati ad un Ballo a Vienna? Se vi fa piacere, raccontatecelo nei commenti.


Appassionata di impresa e di interior design, dopo più di 20 anni di management in azienda sono business consultant e startup mentor e oggi anche un pò blogger. Ho esperienza nella pianificazione, in marketing e comunicazione, nel supporto e sviluppo canali di vendita. Attualmente collaboro con startup e aziende, utilizzando l’approccio BMC e "lean" e una solida visione strategica. Ho pubblicato il libro Società Antonio Volpe con Giovanni Renzi e sono bellezzadelegnocurvatodipendente.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER