Josef Urban e le sue sedie per il Paul Hofner Restaurant | Legno Curvato
READING

Josef Urban e le sue sedie per il Paul Hofner Rest...

Josef Urban e le sue sedie per il Paul Hofner Restaurant

Sedia Josef Urban Thonet n.405

Quali sono le sedie meno conosciute ma più ricercate nel mercato dell’arte e dell’antiquariato? Ci sono diversi modelli e tra queste sicuramente una delle più importanti è la sedia Thonet n.405.

Disegnato da Josef Urban, questo modello appare per la prima volta su Zentral Anzeiger nel numero di Ottobre del 1904 dove viene presentata insieme alla sedia modello n.511 con la definizione di sedie di “gusto moderno”.

Nel catalogo generale Thonet appare nel supplemento del 1905 in tre versioni, con sabot in ottone, nichelati o senza, mentre non è presente nei cataloghi del 1907 e del 1910. Nei supplementi della Gebrüder Thonet per il mercato italiano, invece, è presente sia nell’edizione del 1906 che del 1909 e del 1912.

La sedia non è un oggetto di grande produzione. Per darvi un’idea della tiratura limitata, pensate che in tutto il 1905 ne vengono realizzate solamente 54.

Un ristorante conosciuto

Urban riceve la commessa per il progetto del Ristorante Paul Hofner. Conosce bene questo ristorante che è situato non lontano da casa sua. È un cliente abituale.

Das Interieur 1906

Sala del Paul Hofner Restaurant, Vienna – Das Interieur 1906

Quando riceve l’incarico realizza che la sala è molto simile a quanto visto nel suo viaggio a Saint Louis in occasione dell’Expo del 1904. La sala è nel padiglione dei trasporti, per l’occasione costruito a immagine di una gigantesca stazione ferroviaria per celebrare il centenario dell’invenzione del motore a vapore.

È il quarto progetto di sala ristorante di cui ha ricevuto l’incarico nell’arco di pochi anni.

The Studio, 1906

The Studio, 1906

“Josef Urban is a leading member of the Hagenbund Society, and generally arranges its exhibitions. He is a fertile in thought, rich in imagination, and ever open to receive a lesson, and for this reason he has learned when to curb his thoughts and when to express them. His work has warmth of tone and a right sense of concord. He clothes his walls in silks and in brocades.
His furniture is well thought out; there is no over-burthen of decoration, which yet has its due place. His interiors have a peculiar charm and delicacy, they are dainty but never merely pretty.
They express the rhythmic swaying tones of a Strauss waltz, for he is a Viennese to the core.
He is a versatile, as are all these Austrians, with a quick eye and a rapid hand to grasp an idea and to express it.”

Nel 1906, così il numero speciale estivo di The Studio (The Art –Revival in Austria) celebra il genio decorativo e creativo di Josef Urban (pag. DVIII) allegando 9 fotografie di interni. In una si scorgono 4 sedie modello n.405.

Nello stesso anno Das Interieur mostra l’interno del Café Paul Hofner arredato con questo modello.

Un progetto con sezioni diverse

La sedia modello n. 405 riprende due elementi che Urban aveva già utilizzato.

I sabots così alti erano infatti già presenti nelle sedie prodotte dalla Prag-Rudnicker. La SediaThonet n.405doppia stecca laterale di irrigidimento delle gambe si ritrova invece nelle sedie mostrate da Hollmann, come progetti di Urban, nello stesso numero di The Studio del 1906.

Nella sedia prodotta da Thonet Urban, utilizza in aggiunta sezioni diverse all’interno dello stesso modello.

La sezione quadrata è utilizzata per lo schienale e la sezione tonda per le due gambe anteriori e per le bacchette di irrigidimento.

Il movimento della sedia viene invece affidato al rivestimento in pelle continuo tra sedile e schienale.

Una sedia che piace agli artisti

Molti artisti hanno inserito questo modello di sedia così particolare nel proprio ambiente domestico. Uno fra tutti il grande ballerino Rudolf Nureyev. In una foto della sala da pranzo della sua residenza a Parigi, se ne vede una serie.

Ancora una volta si nota come la produzione in legno curvato in stile Thonet abbia la capacità di adattarsi ad ogni ambiente e agli arredi più disparati.

E tu cosa ne pensi? la sedia n.405 è di tuo gusto? Se ti fa piacere, prova a raccontarcelo nei commenti.


Ho comprato la mia prima sedia Thonet a vent’anni e oggi sono uno dei massimi esperti al mondo di legno curvato, lo stile viennese nell’arredo. Nato architetto, mi occupo di consulenza e formazione sulla storia Thonet, di expertise e curatele per vari musei europei. Sono autore di vari libri sul legno curvato, l'ultimo sulla Società Antonio Volpe, ma anche liberty e art deco. La ricerca storica è la mia grande passione.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER