La poltroncina n. 6522 di Marcel Kammerer | Legno Curvato
READING

La poltroncina n. 6522 di Marcel Kammerer

La poltroncina n. 6522 di Marcel Kammerer

Thonet 6522 Kammerer

Un segno grafico potente, quello di Marcel Kammerer. Un’impronta di quelle che non passa inosservata e quando è in uno spazio, lo domina al punto che l’occhio non può evitare di caderci sopra. E di rimanerne ammaliato.

Almeno, questo è quello che è accaduto a noi. Manuela poi se ne è innamorata, di una versione in particolare che devo ammettere ha sorpreso anche me.

La stessa cosa è accaduta a un collezionista esperto di legno curvato che abbiamo conosciuto da pochi mesi. Ci sarà un motivo?

Thonet 6522

La poltroncina Thonet n. 6522 d Marcel Kammerer

Non si può piacere a tutti

Quella di Marcel Kammerer è una figura controversa, ne abbiamo già parlato in un altro post. Come tutte le personalità forti, con tratti molto definiti e un po’ spigolosi, non ci sono mezze misure nemmeno nelle reazioni che scatenano.

Oggi vogliamo ritornare sulla sua figura per un articolo presente su Das Interieur del 1910 in cui vengono fotografati diversi arredi Thonet, tutti attribuiti all’artista di Vienna.

Perché di vero artista si tratta. I suoi progetti e i suoi disegni sono veri e propri quadri e, ricordiamolo, Kammerer termina la sua carriera in Canada proprio come pittore. Non è un caso che le poche critiche alla scuola di Wagner provenissero proprio da chi giudicava troppo legata al disegno e alla bravura nella composizione grafica/pittorica la scelta degli allievi ammessi alla scuola di Wagner.

 

Das Interieur

La poltroncina di Kammerer su Das Interieur del 1910

Arte a tutto tondo

D’altronde l’ammissione al corso del celebre architetto veniva fatta dopo un colloquio tra chi aveva presentato la domanda di ammissione e Otto Wagner. Durava circa 30/35 minuti e in questo tempo, per quanto, Wagner cercasse di parlare di cultura generale, erano le tavole presentate dai futuri allievi gli unici documenti presentati per mostrare il proprio livello di istruzione.

Abbiamo anche accennato alla polemica di Adolf Loos contro i progetti architettonici vincitori dei premi nei primi anni del secolo che, secondo lui, erano oramai valutati come quadri od opere pittoriche e non come composizione e fattibilità architettonica.

In ogni caso Kammerer non ha solo una buona mano nel disegno ma sa spaziare dal progetto dell’arredo all’intera progettazione architettonica.

 

Otto Wagner casa

La poltroncina n. 6522 su Thonet Zentral Anzeiger e nella casa di Otto Wagner

La poltroncina Thonet n. 6522

Tornando all’articolo di Das Interieur notiamo una serie di arredi tra cui spicca la poltroncina modello n. 6522 che è stata presentata ai negozi sul numero 26 di Zentral Anzeiger il 30 ottobre del 1909.

Questa poltrona viene presentata nell’articolo di fronte a una scrivania e diventa presto un modello particolarmente fortunato e ricercato anche per l’uso che ne fa Otto Wagner nella sua seconda villa a Hütteldorf .

Certo deve essere stato una grande motivo d’orgoglio per Kammerer poter vedere che le sue creazioni venivano utilizzate dal suo maestro. Nella villa di Otto Wagner se ne intravedono quattro.

 

Thonet n. 6528

La poltroncina Thonet n. 6528

Io ci sarò e tu?

Pochi mesi più tardi, il 1° luglio 1911, sempre su Zentral Anzeiger (sul numero 31) viene proposta una variante, il modello n. 6528, con lo schienale che presenta un rettangolo imbottito. Sarà uno degli ultimi prodotti di Kammerer per la Thonet.

Nella nostra prossima mostra di Milano presenteremo due versioni di questo modello. Con sedile in paglia e con sedile in compensato. Entrambi molto belli tanto che, a oggi, non riesco a capire quale sia la migliore versione. In verità Manuela ha le idee molto chiare, così come il collezionista.

Da quello che abbiamo notato in anche i nostri gatti prediligano la versione in paglia. Non vi avevo detto che è questa la preferita? In effetti è così.

E voi ci direte il modello che preferite? Noi speriamo proprio di sì.

 

Thonet 6522

La versione preferita di Manuela (e non solo…), parola di Toscano


Ho comprato la mia prima sedia Thonet a vent’anni e oggi sono uno dei massimi esperti al mondo di legno curvato, lo stile viennese nell’arredo. Nato architetto, mi occupo di consulenza e formazione sulla storia Thonet, di expertise e curatele per vari musei europei. Sono autore di vari libri sul legno curvato, l'ultimo sulla Società Antonio Volpe, ma anche liberty e art deco. La ricerca storica è la mia grande passione.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER