La poltrona n. 720 della Jacob & Josef Kohn - Legno Curvato
EN | IT
READING

La poltrona n. 720 della Jacob & Josef Kohn

La poltrona n. 720 della Jacob & Josef Kohn

Kohn-model-720

Alle ore 16.00 di oggi, avrà luogo l’Asta Jugendstil e Arte Applicata del XX Secolo a Dorotheum a Vienna.

Al Lotto 22 , una splendida e rara poltrona modello n.720 della Jacob & Josef Kohn.

Nota anche come “Barrel Armchair”,  si tratta di uno dei primi modelli definiti mobili moderni nella produzione del maggiore concorrente della Gebrüder Thonet, a cavallo tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900.

Un modello dalla forte personalità che non può certo passare inosservato. Colgo dunque questa occasione per presentarvela e per raccontarvi la sua storia.

 

Kohn-advertising

Un ospite fisso al Palazzo della Secessione

La poltrona appare per la prima volta nel dicembre del 1902 in una pubblicità della Kohn,  all’interno del catalogo per la XV Esposizione della Secessione a Vienna. Contemporaneamente, la troviamo in un numero della rivista Ver Sacrum.

Nel famoso edificio realizzato da Josef Maria Olbrich questo modello è di casa. Non sappiamo se in quello stesso anno rimane anche per l’Esposizione di Rodin o per la XIV Esposizione. Quella in cui viene esposto il famoso fregio di Klimt, per intenderci

La logica ci fa supporre di sì, così come per le poltrone in vimini prodotte da Prag-Rudnicke, disposte in altre sale.

 

Kohn-Expo-Vienna-1902

La sala alla XV Esposizione della Secessione a Vienna di Leopold Bauer

Tessuti di Koloman Moser

Il salone centrale della XV Esposizione viene allestito da Leopold Bauer con tessuti di Koloman Moser. Al centro della sala, dieci esemplari di poltrone n.720.

La loro dimensione si adatta perfettamente al grande salone. Riempiono lo spazio con eleganza e lo connotano, catalizzando l’attenzione.

Sono poltrone “da centro”, cioè che reggono tranquillamente una posizione centrale per la bellezza dello schienale, di una pulizia estrema. Non è un caso quindi se nel catalogo di quella Esposizione, per la propria pubblicità, la Jacob & Josef Kohn scelga proprio questa splendida poltrona.

 

Kohn-catalogue-1908

Pochi mesi dopo la poltrona è in catalogo nel Supplemento del 1902. Da quel momento la ritroviamo in tutti i cataloghi Kohn a oggi conosciuti. Per la prima volta il compensato viene utilizzato curvato come parte fondamentale di design in un oggetto.

Viene universalmente attribuita al grande architetto viennese Josef Hoffmann ma non si è trovato alcun riferimento storico che confermi questa tesi. Viene esposta anche a Saint Louis nel 1904 e a Buenos Aires nel 1910.

Nel catalogo Kohn per la Esposizione Imperiale di Londra del 1906, troviamo alcuni interni della mostra Invernale del Museo Austriaco delle Arti e dell’Industria del 1901. In uno dei locali, uno studio, ci sono anche queste poltrone.

 

Kohn-armchair-model-720

Un modello di punta per la Kohn.

Il modello poteva essere richiesto sia con piedi in ottone che in legno dorato. Qualche anno fa ho avuto la fortuna di trovarne quattro esemplari in un villino sotto Roma. Altre le ho potute studiare a Vienna.

In tutti i casi il sedile non è formato da un’asta curvata ma è costruito in maniera classica con solo la parte a vista di faggio.

Probabilmente per una struttura così profonda e grande, in ogni modo difficile da vedere, aveva più senso una costruzione classica lasciando la curvatura al contenimento della struttura di compensato.

Quando nel 2008 ho scritto il libro Il Mobile Moderno in una delle maggiori gallerie viennesi ho potuto ammirare una poltrona che era stata trovata insieme alla sua fattura originale, dotata di un bellissimo simbolo quadrato della Kohn in ottone: il logo, disegnato da Koloman Moser per l’azienda viennese. Una vera rarità.

 

Fuorisalone-2018-Event

Alla nostra mostra a Milano

Una poltrona da esposizione insomma. Infatti ne abbiamo esposto un esemplare anche alla nostra mostra su La poltrona moderna, lo scorso anno durante il Fuorisalone di Milano. Con un rivestimento di velluto blu, perfettamente restaurata, mantiene intatta la sua classe assoluta e unica.

Certamente è un modello che ha bisogno di spazio ma che vale la pena di comprare per un investimento di un certo valore. Il valore stimato dalla casa d’Aste è tra il 4.000 e i 6000€.

Chissà chi se la aggiudicherà e in quale ambiente e luogo del mondo troverà la sua nuova casa. E voi cosa ne pensate, incontra il vostro gusto? Vi aspettiamo nei commenti.


Ho comprato la mia prima sedia Thonet a vent’anni e oggi sono uno dei massimi esperti al mondo di legno curvato, lo stile viennese nell’arredo. Nato architetto, mi occupo di consulenza e formazione sulla storia Thonet, di expertise e curatele per vari musei europei. Sono autore di vari libri sul legno curvato, l'ultimo sulla Società Antonio Volpe, ma anche liberty e art deco. La ricerca storica è la mia grande passione.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER
Impostazioni Privacy
NomeAbilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
Facebook
Usiamo Facebook per tracciare connessioni ai canali dei social media.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Cliccando su accetta, confermi il salvataggio dei cookie.