Il Sanatorium di Purkersdorf di Josef Hoffmann - Legno Curvato
READING

Il Sanatorium di Purkersdorf di Josef Hoffmann

Il Sanatorium di Purkersdorf di Josef Hoffmann

Sanatorium Purkesdorf Hoffmann

«Quali sono gli ideali di Hoffmann? Possono essere desunti dai suoi lavori, i quali riescono a parlarci come se fossero scritti .»

Così scrive entusiasticamente Amelia Sarah Levetus, storica e giornalista, riferita al Sanatorium di Purkersdorf appena terminato.

Un’opera ritenuta fondamentale nel percorso evolutivo del Movimento Moderno e del suo linguaggio architettonico, anche se agli inizi ha generato non poche perplessità.

In una zona boscosa ai margini occidentali di Vienna, sorge questo edificio che nella sua autobiografia, lo stesso Hoffmann descrive come «privo di alcuna pretesa artistica e stilistico-decorativa
Un immobile dove l’architetto si sente «assoggettato a una stretta necessità, cioè a esigenze medico-igieniche».

In verità, queste sue parole e l’idea che abbiamo quando parliamo di un “sanatorio” sono in contrasto con la realtà dei luoghi e dell’intero edificio che sembra pensato per un soggiorno più che per una degenza.

Accanto agli ambienti tecnici dei gabinetti dei medici, troviamo sale da soggiorno, lettura, gioco (un locale per il ping pong e uno con un biliardo), per concerti o per ricevere e scrivere la corrispondenza.

Anche qui, in un luogo dove la malattia doveva farla da padrone, si respira l’aria della Austria Felix.

Saantorium Purkesdorf oggi

Innovazione nel progetto edilizio

Anche nella composizione architettonica Hoffmann si dimostra, ancora una volta, precursore degli indirizzi moderni. Non è un caso che solo 2 anni dopo il termine dei lavori, l’innovativa copertura piana del Sanatorio sarà modificata in una classica, a falda.

D’altronde pensiamo allo scalpore che suscitò la stessa tipologia di copertura piana, ben 20 anni più tardi, per la nuova costruzione del Bauhaus di Walter Gropius in Germania!

Per il sanatorio, Hoffmann adotta una soluzione architettonica caratterizzata da «muri semplici, lisci, chiari che possono avere una sola decorazione, e questa decorazione sono le finestre …»

Utilizza il calcestruzzo armato solo per le travi e i solai, secondo il sistema innovativo Hennebique, mentre i muri sono ancora costruiti con i mattoni in maniera tradizionale. Le travi vengono lasciate a vista all’interno dei vari saloni e dei locali del Sanatorio, segnate da piccole decorazioni.

L’orditura delle travi e il loro posizionamento diventa un elemento morfologico fondamentale delle sale. I disegni geometrici che si costruiscono sui soffitti (quadrati e rettangoli) vengono ripresi nelle finestre così come negli arredi. Anche le pavimentazioni vengono pensate con decori e disegni geometrici.

Sanatorium Purkesdorf Hoffmann interni

Sanatorium di Purkesdorf di Josef Hoffmann - interni

Il pensiero dell’architetto arriva così in ogni angolo nascosto dell’edificio e non solo: progetta tutti gli accessori fino agli utensili da cucina e alle posate, utilizzate dagli ospiti del Sanatorio. Un’attività possibile solo grazie alla capacità di spaziare per campi diversi, dall’architettura alle arti decorative, proprie di Hoffmann e degli architetti viennesi di questo incredibile periodo.

Josef Hoffmann e Koloman Moser

In questo progetto, che dura dal 1903 al 1905, l’apporto di Koloman Moser è fondamentale. Il Sanatorio di Purkersdorf viene pensato quando la Wiener Werkstätte è già stata fondata ed è operativa. Tutti gli arredi e gli accessori (tranne che per alcuni sedute) vengono prodotti e forniti dalla Wiener Werkstätte stessa.

In questo ambito è difficile separare l’opera di Hoffmann da quella di Moser. È probabile che molti arredi o accessori attribuiti a Hoffmann siano in realtà di Koloman Moser. I “salons” per gli uomini e le signore sono suoi, ad esempio.

Di certo il segno grafico di Moser è stato fonte di ispirazione per il collega: pensiamo ad esempio all’utilizzo che Moser fa del quadrato già nel simbolo della Jacob & Josef Kohn di inizio secolo.

 

Sanatoriun Purkesdorf facciata

Il modello n. 322 della Jacob & Josef Kohn

Uno dei pochi oggetti non prodotti dalla Wiener Werkstätte, sono le sedie utilizzate per la sala da pranzo e per le verande del Sanatorio. Si tratta della serie n. 322, prodotta dalla Jacob & Josef Kohn.

Le sedie appaiono nelle foto del Sanatorio dell’aprile del 1906 mentre nello stesso periodo le poltrone vengono utilizzate (e immortalate in una foto) all’Esposizione di Milano nel padiglione austriaco nella Sala della movimentazione forestieri .

Scorrendo la documentazione della celebre azienda viennese, il tavolo appare nel catalogo di quello stesso anno mentre sedia, divano e poltrona nel supplemento del 1907.

Salta però all’occhio che i modelli n. 321, 324, 325 e 327 siano già presenti nel supplemento del 1902 mentre la n. 330 appare nel catalogo del 1904. Prima del 1906 del modello n. 322 invece non c’è nessuna traccia.

 

Kohn n.332 armchair&chair Hoffmann

Josef Hoffmann firma gli splendidi modelli n. 332 prodotti dalla Jacob & Josef Kohn

Una sedia davvero particolare

La sedia utilizzata nel Sanatorio ha più particolarità. Le sfere applicate sotto al sedile sono presenti in tutte e quattro le gambe e non solo in quelle frontali, come nel modello Fledermaus e nella poltroncina rivoluzionaria.

Le gambe anteriori sono dei cilindri perfetti. Non hanno cioè torniture o parti in ottone. Sono di forma geometrica distanti anni luce da ogni altra gamba prodotta nello stesso periodo sia in legno curvato a vapore che con tecniche di ebanisteria tradizionali.

Lo schienale è formato da una cartella di compensato traforato con due file di fori paralleli. Una sedia e una poltrona estremamente rare che ho avuto il piacere di provare solo a Vienna nella galleria Bel Etage di Wolfgang Bauer.

Sitzemachine Morris Chair

Il mistero della Sitzemachine a Purkesdorf

Alcuni libri e autori riportano che la Morris-Chair della Jacob & Josef Kohn, il modello n. 669 denominato Sitzemachine, fosse all’interno del Sanatorio di Purkesdorf nella grande Halle. A quest’altra icona della linea curva dedicheremo presto un post.

Anche questo modello ha una cartella simile nello schienale che ricorda il modello n. 322, anche se nella n. 669 non era visibile se non dal retro per la presenza di un grande cuscino. Io non ho trovato foto d’epoca che posizionino questa poltrona all’interno del Sanatorio.

A me risulta che le prime apparizioni siano all’esposizione di Earl’s Court e a Milano nel 1906 e, in seguito, alla Kunstschau di Vienna del 1908.

A oggi sembra una di quelle invenzioni del mercato antiquario degli anni ‘80 che tanta confusione ha portato nella datazione e nella attribuzione degli oggetti di design in legno curvato a vapore. Un esempio per tutti, il dondolo n. 267 della Società Anonima Antonio Volpe da Udine.

Anche se sarei ben contento di essere smentito in futuro e quando accadrà, sarà ancora una volta una grandissima emozione. E voi, conoscevate già la storia del progetto di Purkensdorf? Vi aspetto nei commenti.


Ho comprato la mia prima sedia Thonet a vent’anni e oggi sono uno dei massimi esperti al mondo di legno curvato, lo stile viennese nell’arredo. Nato architetto, mi occupo di consulenza e formazione sulla storia Thonet, di expertise e curatele per vari musei europei. Sono autore di vari libri sul legno curvato, l'ultimo sulla Società Antonio Volpe, ma anche liberty e art deco. La ricerca storica è la mia grande passione.

RELATED POST

  1. Gabriele

    5 Lug

    Buongiorno, complimenti per l’approfondimento sul sanatorio. Peccato non conservi più gli arredi originali. Anche la struttura architettonica ha subito nel tempo vari interventi; per fortuna pochi anni fa, dopo un lungo periodo di abbandono, è stato restaurato, rimuovendo anche un piano che era stato aggiunto tempo addietro. Sono stati reintrodotti gli arredi della Wittmann (mobili, lampade, ecc.) ed è divenuto residenza per anziani. Grazie ancora per i preziosi spunti e le sempre puntuali informazioni che riuscite a dare. Buona estate. Gabriele

    • Manuela Lombardi Borgia

      5 Lug

      Grazie a te Gabriele che ci segui sempre con attenzione. Abbiamo visto che è tornato operativo e che hanno cercato di effettuare un restauro il più possibile conservativo. Qui ci sono delle bellissime foto sia d’epoca che contemporanee. Per fortuna che hanno recuperato questo patrimonio per la storia non solo del legno curvato ma dell’architettura moderna tutta. PS Buona estate anche a te. Noi continueremo a lavorare per cui continua a seguirci.

  2. Viola

    16 Ago

    È possibile visitarlo?

    • Manuela Lombardi Borgia

      16 Ago

      Buongiorno Viola, sembrerebbe di no. Oggi è una residenza per anziani e sul sito ufficiale non si cita questa opportunità. In ogni caso gli ho scritto ponendo specificatamente la domanda. Vediamo se rispondono! Nel caso, ti informo subito.

    • Manuela Lombardi Borgia

      16 Ago

      Mi hanno risposto! Veloci e professionali, la Sig.a Martha Lacusta mi ha detto che è in corso una importante ristrutturazione tanto che l’edificio è chiuso e lo sarà verosimilmente fino all’inizio del prossimo anno. Quando riaprirà, sarà possibile visitarlo previo contatto con l’Amministrazione e su appuntamento. L’indirizzo mail a cui ho scritto è Verwaltung1@hoffmannpark.at. Spero di esserti stata utile e se pensi di andarci, tienici informati. Dopo una ristrutturazione così imponente, sarà magnifico!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Cliccando su accetta, confermi il salvataggio dei cookie.