La sedia Thonet n. 4 "Café Daum" - Legno Curvato

La sedia Thonet n. 4 “Café Daum”

Film Steve Jobs con Michael Fassbender e le sedie Thonet

Quando ho scritto il mio primo libro volevo mettere in copertina una foto di Marylin Monroe con una sedia Thonet modello n. 18 oppure con una sedia modello n. 4.

Il titolo Curve e biondi riccioli viennesi rimase ma l’editore scelse un oggetto Thonet diverso, per la precisione un parascintille.

Con Marylin pensava che tutti avrebbero immaginato un libro che parlasse di lei. Nel caso della sedia n. 4, invece, era già stata usata come copertina per la mostra Thonet del Vitra Design, dedicata ai mobili viennesi.

Esagerato accostare la bellezza di Marylin a una sedia? Direi proprio di no. Alla nostra mostra e nella intervista che ci ha concesso, l’Arch Paolo Portoghesi ha sottolineato in più occasioni la sensualità della linea curva Thonet.

Nelle sue forme sinuose la sedia n. 4 è sicuramente la più vicina a quelle di un corpo sensuale. E in quanto a sensualità Marylin Monroe rimane un’icona assoluta.

Film L'appartamento

Dal film “L’appartamento” con Jack Lemmon e Shirley MacLaine di Billy Wilder, 1960

Film Bello Onesto

Dal film “Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata” con Claudia Cardinale e Alberto Sordi di Luigi Zampa, 1971

Quando la sensualità è protagonista

In realtà la sedia Thonet n. 4 è uno dei prodotti più popolari della celebre casa viennese. A testimonianza di ciò possiamo pensare a tre film girati in tre continenti diversi in epoche diverse che hanno avuto la sedia n. 4 come protagonista.

Il primo film lo abbiamo già incontrato in un altro post. Si tratta de “L’appartamento” ambientato a Parigi. Il film esce nel 1960 e il regista , Billy Wilder, è un collezionista Thonet come ci ha raccontato Maria Paola Maino nella sua intervista.

Il secondo film è ambientato in Australia. Siamo nel 1970 quando esce “ Bello, onesto, emigrato Australia, sposerebbe compaesana illibata” del regista Luigi Zampa. Qui, in una scena che si svolge su un treno, Alberto Sordi e una bellissima Claudia Cardinale sono seduti proprio su delle Thonet n. 4.

Ultima scena: ora siamo negli Stati Uniti. Il film del 2015 è “Steve Jobs” con Michael Fassbender. Una catasta di sedie modello n. 4, questa volta abbastanza recenti, assistono da protagoniste a una delle scene chiave a cui abbiamo dedicato la copertina.

 

Thonet n.4

La Thonet modello Café Daum

Questi tre film ci danno l’idea della diffusione e del successo di questo oggetto in tutto il mondo.La sedia modello 4, chiamata anche Café Daum, è infatti uno dei primi modelli di successo di Michael Thonet e dei suoi 5 figli. La prima fornitura importante è proprio di questa seduta.

Nel 1849 vengono inviate 400 sedie per l’Hotel Zur Königin von England a Pest. Pochi anni dopo le stesse sono usate per la fornitura per il famoso caffè viennese, il Daum appunto, il cui nome diverrà il soprannome di questo modello.

Non è l’unico caso dove dei modelli di arredo prendono il nome dall’utilizzo in un locale di grande fama. Un altro esempio che abbiamo già incontrato è quello delle Fledermaus, dalla fornitura al Cabaret Café Fledermaus di Vienna.

 

Sedia Thonet n.4

Un modello che dura

La sedia modello n. 4 non abbandona mai il catalogo della Thonet e dei suoi maggiori concorrenti. Insieme alla n. 14 e alla n. 18 è un’icona, simbolo della produzione delle sedie di Vienna.

Viene riprodotto anche in ferro per i giardini e i locali all’aperto. Le Corbusier, appassionato della Thonet B9,  ci mostra questa versione dell’iconica seduta nella sua casa.

Ancora oggi è nel catalogo di alcune aziende produttrici di mobili in legno curvato come la Ton e la Fameg. Anche aziende italiane si sono cimentate nella sua produzione quali la Società Antonio Volpe, la Wäckerlin e la Sautto e Liberale.

La sedia è caratterizzata dallo schienale formato da due parti a “S” con i riccioli superiori a spirale. E sono proprio i riccioli superiori il punto critico di questo modello, in particolare nelle sedie della prima produzione.

I riccioli tendono ad aprirsi e a rompere la simmetria dei due pezzi di decoro dello schienale. Restaurare queste parti non è un lavoro semplice e conviene affidarsi a un professionista con molta esperienza nei mobili in legno curvato.

 

Thonet e Le Corbusier

Varianti di n.4

Chiaramente la sedia Thonet modello n. 4 si può trovare sul mercato a diversi valori a seconda che sia costruita in legno lamellare (fino al 1861 quindi) con o senza “orecchie” o nella produzione classica in legno massello piegato a vapore.

Ancora una volta saperla riconoscere è fondamentale per non prendere abbagli o al contrario per cogliere l’opportunità di chi non conosce il valore intrinseco di ciò che ha per le mani.

E con la linea curva bisogna avere competenza ma anche attenzione e cura e rispetto. Solo così si mostrerà a noi in tutta la sua bellezza. E come poterne fare a meno?

Fameg chair


Ho comprato la mia prima sedia Thonet a vent’anni e oggi sono uno dei massimi esperti al mondo di legno curvato, lo stile viennese nell’arredo. Nato architetto, mi occupo di consulenza e formazione sulla storia Thonet, di expertise e curatele per vari musei europei. Sono autore di vari libri sul legno curvato, l'ultimo sulla Società Antonio Volpe, ma anche liberty e art deco. La ricerca storica è la mia grande passione.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
KNOW US BETTER

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Cliccando su accetta, confermi il salvataggio dei cookie.